Wednesday, November 1, 2017

Se Steve Jobs fosse nato a Napoli - recensione / If Steve Jobs was to be born in Naples / Daca Steve Jobs s-ar fi nascut la Napoli

Salutare suflete frumoase,
Astazi revin cu o recenzie literara, o recenzie a unei carti exemplare care trateaza o poveste desprinsa din realitatea contemporana, o poveste amara si hazlie in acelasi timp. Cartea se centreaza asupra visului a doi tineri care realizeaza un softwear inovativ care sa revolutioneze lumea calculatoarelor asa cum a facut Steve Jobs cu Apple. Pentru a realiza acest vis cei doi tineri se arunca cu capul inainte si incearca sa obtina imprumuturi pe toate caile, legale sau mai putin legale atunci cand prima usa le vina inchisa in nas. Dorinta acestor tineri de a realiza un asemenea proiect este atat de puternica incat atunci cand toata lumea le refuza finantarea recurg la vanzarea si amanetarea unor bunuri personale si familiare pretioase. In pofida numeroaselor eforturi intelectuale, economice si fizice deopotriva acest proiect nu va vedea lumina zilei pentru ca acolo unde nu reusesc bancherii, sau politicienii va reusi mafia. Un element care este reluat frecvent in aceasta carte este faptul ca Apple a vazut lumina zilei pentru ca Steve Jobs nu a intalnit atat de multe obstacole. Cei doi tineri, Stefano Vozzini e Stefano Lavori s-au nascut in Napoli si incearca, asa cum au vazut in cazul altor tineri faimosi sa puna in practica o idee geniala si sa isi asigure astfel viitorul din punct de vedere financiar. Elementele saliente ale acestui roman sunt diferentele de factori ambientali, economici si sociali si rolul lor in realizarea unui proiect si edificarea unei cariere pentru ca asa cum si premiul Nobel in economie Amartya Sen spunea “un om este ceea ce circumstantele ii permit sa fie”. Citind aceasta carte am ajuns la concluzia ca in pofida talentului, intelectului, trasaturilor caracteriale si morale succesul este pana la urma rezultatul unui concurs de circumstante. Finalul acestui roman este trist iar concluzia ca daca Steve Jobs s-ar fi nascut la Napoli, Apple nici nu ar fi existat. Spre deosebire de personajele romanului sau, Antonio Menna, autorul cartii “Daca Steve Jobs s-ar fi nascut la Napoli” a avut un succes neasteptat, plecand de o simpla postare pe un blog si ajungand sa fie citit peste hotare si revizuit de jurnalul Le Monde.  
Pana la urmatoarea postare, va salut si va urez o zi minunata!


ITALIANO

Salve anime belle,
Oggi ritornerò con una recensione letteraria, una recensione di un libro edificante che tratta una storia che s'inspira alla realtà contemporanea, una storia amara e esilarante allo stesso tempo. Il libro si concentra sul sogno di due giovani che hanno sviluppato una softwear innovativa per rivoluzionare il mondo dei computer come aveva fatto Steve Jobs con Apple. Per raggiungere questo sogno, i due giovani si buttano a capofitto e cercano di ottenere prestiti in tutti i modi possibili, legali o meno quando la prima porta gli viene sbatutta in faccia. Il desiderio di questi giovani di realizzare un tale progetto è così forte che quando tutti negano il loro finanziamento, ricorrono alla vendita e al pegno di beni personali e familiari preziosi. Nonostante numerosi sforzi intellettuali, economici e fisici, questo progetto non vedrà la luce del giorno perché lì dove i banchieri o i politici falliscono, avrà successo la mafia. Un elemento che si ripete in questo libro è che Apple ha visto la luce del giorno perché Steve Jobs non ha incontrato tanti ostacoli. I due giovani, Stefano Vozzini e Stefano Lavori, sono nati a Napoli e provano, come hanno visto con altri famosi giovani, di mettere in pratica un'idea brillante e assicurare così il loro futuro finanziariamente. Gli elementi salienti di questo romanzo sono le differenze di fattori ambientali, economici e sociali e il loro ruolo nella costruzione di un progetto e nella costruzione di una carriera perché, come ha dichiarato il premio Nobel per l'economia Amartya Sen, "un uomo è quel che le circostanze gli consentono di essere". Leggendo questo libro siamo giunti alla conclusione che, nonostante il talento, l'intelletto, i tratti caratteristici e morali, il successo è in ultima analisi il risultato di un concorso di circostanze. Il finale di questo romanzo è triste e la conclusione è che se Steve Jobs fosse nato a Napoli, Apple non sarebbe mai esistito. A differenza dei personaggi del suo romanzo, Antonio Menna, autore di "Se Steve Jobs fosse nato a Napoli", ha avuto un successo inaspettato, partendo da un semplice post su un blog e finendo per essere letto all'estero e recensito da Le Monde.
Fino al prossimo post vi saluto e vi auguro una splendida giornata!


ENGLISH

Hello you beautiful souls,

Today I will return with a literary review, a review of an edifying book that deals with a story that is inspired by contemporary reality, a bitter and exhilarating story at the same time. The book focuses on the dream of two young people who have developed an innovative software to revolutionize the world of computers as Steve Jobs did with Apple. In order to reach this dream, the two young men plunge headlong and try to get loans in all possible ways, legal or not, when the first door is blown into their face. The desire of these young men to carry out such a project is so strong that when everyone denies their funding, they resort to the sale and pledge of valuable personal and family assets. Despite numerous intellectual, economic and physical efforts, this project will not see the light of day because where the bankers or politicians fail, the mafia will succeed. One element that is repeated in this book is that Apple saw the light of day because Steve Jobs did not encounter so many obstacles. The two young people, Stefano Vozzini and Stefano Lavori, were born in Naples and try, as they have seen with other famous young people, to put into practice a brilliant idea and thus secure their financial future. The main elements of this novel are the differences of environmental, economic and social factors and their role in building a project and building a career because, as the Nobel Prize for the Economy Amartya Sen says, "a man is what the circumstances allow him to be." By reading this book we have come to the conclusion that despite the talent, the intellect, the characteristic and moral features, success is ultimately the result of a competition of circumstances. The end of this novel is sad and the conclusion is that if Steve Jobs were to be born in Naples, Apple would have never existed. Unlike the characters in his novel, Antonio Menna, author of "If Steve Jobs was born in Naples", had an unexpected success, starting from a simple post on a blog and finishing to be read abroad and reviewed by Le Monde. 
Until the next post I greet you and wish you a beautiful day!


46 comments:

  1. Cara Flo, poi ci si domanda! Come mai molti vanno cercare lavoro all'estero, i migliori cervelli sono costretti a scappare per un lavoro!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    ReplyDelete
    Replies
    1. Bhe, carissimo Tomaso, io posso dire forse meglio di chiunque che capisco benissimo questo. Ti auguro una bella serata!

      Delete
  2. Great post!
    Problems with google are solved so now you can follow me :) When you follow me let me know so that I can follow you back :)
    --> http://beautyshapes3.blogspot.hr/2017/10/gamiss-wishlist.html#comment-form

    ReplyDelete
  3. This book seems like an interesting read!
    xx
    http://realgirltalks.com/

    ReplyDelete
    Replies
    1. Thank you very much for your visit and comment Ankita.

      Delete
  4. Grazie Flo per la tua bella recensione! Per me leggere è diventato ormai impossibile... mi godo il tuo riassunto. Un abbraccio!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Capisco benissimo, ho sempre pensato che fare la mamma, la moglie, la blogger e avere anche un lavoro dev'essere molto difficile, sono contenta comunque che il mio riassunto ti fosse piaciuto.

      Delete
  5. this book sounds really good! I need to start reading books soon!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Thank you very much dear Megha for your visit and kind comment as always.

      Delete
  6. Thanks a lot :D

    look super interesting my friend :D

    NEW OUTFIT POST | PORTUGAL FASHION LOOK! THE MOST IRREVERENT :D
    InstagramFacebook Official PageMiguel Gouveia / Blog Pieces Of Me :D

    ReplyDelete
    Replies
    1. Thank you a lot Miguel for your visit and comment.

      Delete
  7. Thanks for sharing, seems to be an interesting book!
    xx Rena
    www.dressedwithsoul.com

    ReplyDelete
  8. Replies
    1. Se non sbaglio lui nacque in Siria ed era stato adottato negli Stati Uniti 😉

      Delete
  9. Non serve essere nati a Napoli, che è una città come tante (solo un po' più incasinata) basta essere nati in qualsiasi altro luogo d'Italia per rimanere anonimi, nonostante il talento.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Credo che nessuno meglio di me può capire questo discorso 😉

      Delete
  10. Hi! Thanks for replyed my coment. Now I follow you too. Have a nice day!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Thank you very much for your visit and comment dear Marianela!

      Delete
  11. In realtà questo l'ho sempre pensato anche io (ma probabilmente lo pensano la maggior parte degli Italiani, non solo chi è di Napoli): siamo un popolo di gnete molto intelligente ma le circostanze non ci permettono di sviluppare i nostri talenti...
    Non per nulla moltio dei nostri connazionali non fanno fatica a raggiungere posizioni elevate quando si trasferiscono all'estero, ma non è comunque giusto esser costretti a lasciare i propri affetti e la propria terra per poter avere soddisfazione professionale, non ti pare?
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.it

    ReplyDelete
    Replies
    1. Capisco molto bene il tuo raggionamento e credimi conosco molto bene queste sensazioni ;) Buona serata cara Silvia!

      Delete
  12. Thanks for the interesting post! Have a nice weekend)

    ReplyDelete
  13. Immagino il finale triste... Io credo di aver letto il post sul blog, insomma questa storia non mi è nuova, e penso proprio di essermela trovata davanti su internet. Il libro approfondisce e sembra interessante, anche se, appunto, molto triste e veritiera!
    Grazie per questa recensione, ciao Flo :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Cara Elle, che bello ritrovarti e rileggerti qui. Eh, si, il libro è partito come un post su un blog, io non ho avuto l'occasione di vedere il post ma immagino i commenti dei lettori ;) Ti auguro una bella serata!

      Delete
  14. Replies
    1. Grazie cara Luisa, ti auguro una bella serata!

      Delete
  15. A very intressting Post<3
    Thank you so much for sharing
    We wish you a great day
    kiss
    http://www.swisstwins.ch/

    ReplyDelete
    Replies
    1. Thank you very much fr your visit and comment!

      Delete
  16. sounds really great!

    kisses dear
    www.aprendiendoaquererme.com

    ReplyDelete
    Replies
    1. Dear Carol, thank you very much for visiting and commenting.

      Delete
  17. This sounds interesting! Thanks for sharing. :)

    Check out my new post at:
    Shoot for the stars

    ReplyDelete
  18. Ciao, ti seguo :)
    Napoli è meravigliosa...spero di poter tornare al più presto a visitarla ;)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Tante grazie per la visita, per il commento e per il following. Non vedo l'ora di scoprire il tuo blog.

      Delete